Gli 8 Compasso d’Oro basterebbero – da soli – per spiegare il genio e l’inventiva di Mario Bellini, architetto e designer di fama internazionale, già direttore della rivista Domus.

Le numerose mostre in Italia e all’estero la conferma di una carriera incredibile, la monografica del MoMa – Museum of Modern Art di New York nel 1987 la consacrazione del suo assoluto talento.

Tra le sue opere principali il quartiere Portello di Fiera Milano, il Centro Esposizioni di Villa Erba, il Natuzzi America Headquarters, il Tokyo Design Center, la Fiera di Essen e la National Gallery of Victoria a Melbourne.

Laureato in architettura nel 1959 al Politecnico di Milano, ha aperto il suo studio professionale un anno dopo, prima di divenire direttore del reparto design della Rinascente. Incarico, questo, che ricopre fino al 1963, anno in cui viene nominato capo consulente design della Olivetti.

Tra le aziende che si sono affidate a lui, nel corso degli anni, spiccano – oltre a Brionvega – Cassina, Yamaha, Rosenthal e Renault.

Venticinque sue opere sono presenti all’interno della collezione permanente del MOMA – Museum of Modern art di New York.