Autore di veri e propri capolavori del design moderno, l’austriaco Richard Sapper ha firmato oggetti divenuti nel tempo culto come il Bollitore per Alessi (1984), la lampada Tizio per Artemide e il telefono Grillo per Siemens. Oltre, ovviamente, alle radio ed ai televisori per Brionvega.

Undici volte Compasso d’oro, ha lavorato nel corso della sua carriera anche con Fiat, Pirelli, Ibm e Mercedes Benz.

E’ proprio con la casa automobilistica tedesca che inizia la carriera di designer all’interno del reparto di styling, prima di trasferirsi a Milano, dove collabora con l’architetto Gio Ponti prima e con il dipartimento di design della Rinascente poi.

E’ il 1959 quando, insieme al designer Marco Zanuso, diviene consulente di stile per Brionvega. La coppia creativa realizzerà, in pochi anni, alcuni dei principali capolavori di design di quegli anni, come le tv Doney, Sirius e Black e la Radio Cubo.

Una incredibile carriera al servizio della creatività, come testimoniano anche gli anni di insegnamento alla Yale University, al Royal College of Art di Londra e l’Università di Buenos Aires.